Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, gestiti da siti di altre organizzazioni. Continuando nella navigazione, acconsenti all'uso degli stessi. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito clicca su dettagli.

La bandiera ha accompagnato e caratterizzato le fasi storiche e la crescita di una comunità, un popolo e quindi una nazione. L’utilizzo della bandiera ha origini molto antiche: già Ebrei, Assiri e Babilonesi adoperavano le bandiere come “signum belli” in guerra, mentre in tempo di pace venivano agitate in segno di giubilo durante varie cerimonie. Successivamente alla caduta dell’Impero Romano d’Occidente, anche la Chiesa si distinse nell’uso della bandiera, in particolare, nel 687 d.C., il popolo romano rese omaggio al Papa Sergio I, appena eletto, con sbandieramenti di drappi e vessilli. Altra funzione della bandiera era quella di richiamo, con alti lanci, per la raccolta delle truppe là dove il pericolo era maggiore e, nel caso che la bandiera fosse minacciata, con lunghi lanci veniva scagliata al di fuori della mischia affinché qualche elemento disimpegnato potesse portarla in salvo. Perdere la bandiera in battaglia, oltre che un grande disonore, avrebbe significato disordine, scoraggiamento e sconfitta. L’Alfieri fu il primo a codificare una serie di fondamentali dell’arte della bandiera con una straordinaria descrizione dei gesti e supportata da illustrazioni iconografiche di primo ordine.

L´Alfiere si specializzò sempre più nel “maneggio della bandiera”.

Gli stemmi con emblemi, simboli, motti, divennero un simbolo distintivo di città, territori o società. Ma con il rafforzarsi delle monarchie e il loro progressivo mutarsi in regimi assolutistici, le bandiere feudali scomparirono, cedendo il passo alla sola bandiera regia, considerata il simbolo del sovrano ma anche del popolo tutto. Nei tempi moderni, è diventato di moda l’aspetto popolare della bandiera, nei tornei cavallereschi, feste tradizionali del medioevo, civili e religiose del Rinascimento.  Ad alzare e meglio rivivere il folklore della bandiera ha contribuito una coreografia molto veloce, il fascino dei simboli dipinti su stendardi, il ruggito di "trombe" e le tonalità scure de rullanti, un insieme che provoca un risveglio di echi, antiche memorie legate alla crescita del genere umano.